Non siamo più disposti ad accettare

Dipartimento della comunicazione

COMUNICATO STAMPA

SIULM: “Non siamo più disposti ad aspettare!!”

60 Giorni non sono bastati per essere iscritti all’albo. E’ l’amara considerazione che noi del SIULM abbiamo dovuto fare dopo che la nostra istanza è rimasta inesitata. La Legge nr. 46 del 28 aprile del 2022 statuisce che per esercitare il diritto di rappresentare i Militari, i sindacati di categoria devono essere iscritti in un Albo previa autorizzazione dello Stato Maggiore Difesa. Il 25 Agosto scorso abbiamo, dopo mesi di duro lavoro, presentato l’istanza di iscrizione all’Albo corredata dallo statuto del sindacato. Abbiamo dovuto costatare che, nonostante fossero passati ben oltre 30 giorni dalla data di scadenza (28 ottobre), Lo Stato Maggiore Difesa non aveva prodotto alcuna risposta. Il rammarico è stato tale che abbiamo presentato istanza di accesso agli atti finalizzata a conoscere, se mai ce ne possano essere, le ragioni per l’assenza di risposta.  Non potevamo tacere di fronte ad un atteggiamento di assoluta indifferenza della Difesa. Escludendo l’aspetto giuridico legato alla mancanza di applicazione della norma in quanto attinente ad altre sedi, vogliamo soffermare l’attenzione sulla condotta assolutamente deprecabile. Non è facile giustificare un comportamento che ignora il personale Militare e i suoi rappresentanti. Il SIULM non è disposto a mettere da parte gli ideali fondanti dell’associazione che sono la restituzione della dignità, il reale riconoscimento delle attribuzioni e delle competenze specifiche al personale del comparto “Difesa” e l’accesso di questi ultimi a diritti spesso negati.  Non è ammissibile ignorare i bisogni dei nostri associati, né tantomeno non rappresentarli. Il SIULM è nato su questi valori e per la loro affermazione continuerà ad andare avanti.

Istrana, 14/12/2022

——————————————————————————————————————

Il SIndacato Unitario Lavoratori Militari (SI.U.L.M.), organismo di riferimento per la tutela dei diritti del personale con le “stellette”, nasce nel 2018 dalla brillante idea di 15 Militari appartenenti all’Esercito Italiano, all’ Aeronautica Militare ed all’Arma dei Carabinieri. L’abrogazione della norma sul divieto di costituire associazioni ha spinto questo gruppo di pionieri, animanti dalla sensibilità e dal senso di prodigalità nei confronti dei colleghi in difficoltà e precari, a staccarsi dalle vecchie logiche della rappresentanza militare per abbracciare il nuovo credo: “Tutelati Sempre”.